Un messaggio di speranza in periodo di pandemia coronavirus

Aprile 2, 2020

Padre Benedict Ayodi OFMCap scrive che adesso è il momento di intensificare le nostre preghiere

Padre Benedict Ayodi OFMCap

Cari fratelli e sorelle, Dio è magnanimo!

Recentemente abbiamo ricevuto una lettera dal nostro Ministro generale in cui chiedeva di pregare per alcuni dei nostri frati che avevano contratto questo micidiale coronavirus. Ecco la realtà della pandemia COVID-19 che bussa alla porta di casa, ho pensato appena ho saputo che i miei cari erano stati colpiti direttamente.

In effetti, nessuno può sostenere che l’impatto del coronavirus sia qualcosa che abbiamo sperimentato prima. E’ un nemico invisibile, mortale, che non conosce confini. Il mondo sta sicuramente vivendo un’emergenza che ignora molte delle cose a cui noi umani teniamo di più: famiglia, cultura, economia, confini e sistemi politici.

Nel giro di poche settimane, nonostante tutti gli sforzi, il coronavirus ha circondato l’intero globo. Ancora una volta ci troviamo di fronte alla fragilità delle nostre vite e ancora una volta ci viene ricordata la nostra comune umanità e il nostro comune creato sotto un unico Dio (San Francesco di Assisi), ciò che Papa Francesco nella Laudato Sì chiama ecologia integrale. Pertanto, siamo correlati, interconnessi e interdipendenti.

Leggi : Comunicazione del Movimento Cattolico Mondiale per il Clima sul coronavirus

Ciò che accade nelle Americhe fa eco in Africa, ciò che succede in Asia rimbomba in Europa e così via. Questo ci indica che le persone di questo mondo sono nostri fratelli e nostre sorelle, che siamo una sola famiglia al cospetto di Dio.

Ciò che accade ad alcuni di noi alla fine avrà un impatto su tutti noi. Il nostro mondo oggi ha un disperato bisogno dell’intervento di Dio e di una soluzione integrale che comprenda l’intero creato.

In effetti, dobbiamo esaminare le nostre coscienze, volgere lo sguardo a Dio e sostenerci l’un l’altro con amore. La domanda che tutti ci poniamo: “Perché noi? Perché ora? Dov’è Dio?”

Qual è il modo migliore e sicuro di amare e ottenere pace, felicità e una vita prosperosa? Il profeta Osea aveva affrontato questo quesito con la sua comunità religiosa, il popolo di Israele, che stava vivendo un momento di ansia economica e paura tra le nazioni.

Leggi : Attività cattoliche per il periodo di pandemia coronavirus

Quella gente fu tentata di mettersi al riparo nei propri beni e nelle proprie alleanze politiche con altre nazioni, piuttosto che affidarsi a Dio. Osea invitò il suo popolo a ritornare al cospetto di Dio per ricevere perdono, guarigione e benessere.

Ricordò loro che Dio avrebbe “guarito la loro mancanza di fede e li avrebbe amati incondizionatamente” (Osea 14: 4). Le vie di Dio sono giuste e la sua saggezza porta forza e benedizione a coloro che gli obbediscono.

Nel Vangelo, nonostante tutte le sofferenze e le difficoltà, dobbiamo sempre correre verso Dio, perché è amore.

Cosa vuole Dio da noi? Semplicemente che amiamo come Lui ci ama! Dio è amore e tutto ciò che il nostro Creatore fa deriva da questo suo amore per noi (1 Giovanni 4: 7-21). L’amore di Dio viene prima di tutto e l’amore del prossimo è saldamente radicato in quello di Dio. (Marco 12: 30-31). La fede in Dio e la speranza nelle sue promesse ci rafforzano nel suo amore e nella cura del prossimo.

Dio non ci abbandona; Dio ci accompagna, anche adesso, in questo periodo di prove su prove. In questo momento, è importante per noi ancorare i nostri cuori alla speranza che abbiamo in Gesù Cristo. Questo è il momento di intensificare le nostre preghiere e i nostri sacrifici per l’amore di Dio e del prossimo.

Gesù ha sperimentato la piena misura della sofferenza umana. Il Signore ha sofferto ed è morto per noi e per la nostra salvezza e, qualunque cosa ci accada, che si tratti di malattie o tribolazioni, la nostra speranza nell’amore di Gesù non ci deluderà.

Troveremo la grazia di unire le nostre sofferenze a Gesù e, mentre lo facciamo, riusciremo a comprendere la profondità e la bellezza dell’amore di Dio per noi.

La crescita nella santità non avviene solo quando i tempi sono relativamente calmi e pacifici; spesso cresciamo a somiglianza di Dio quando siamo chiamati ad amare in modi straordinari, la nostra sfida in questi giorni.

Come seguaci di Cristo e membri di una comunità, il corpo di Cristo, per mantenere la nostra salute spirituale nel pieno di questa emergenza, dovremmo continuare ad amare e perseguire la nostra vita di preghiera per nutrire la nostra fede e mantenere viva la speranza.

Concediamoci un po ‘di tempo per la riflessione personale. È importante per noi riversare i nostri cuori nella preghiera e nella supplica.

Uniti al nostro Santo Padre Papa Francesco, preghiamo in solidarietà per i nostri fratelli e per le nostre sorelle malati, qui e in tutto il mondo. Dobbiamo pregare per coloro che stanno attualmente lottando contro il virus, per quelli che vivono nella paura e nell’ansia, nell’isolamento, nella sofferenza e per chi non ce l’ha fatta.

Mentre preghiamo per le nostre famiglie e i nostri cari, facciamolo seriamente anche per i ricercatori e gli operatori sanitari e per coloro che devono prendere decisioni pubbliche difficili in questo momento di emergenza.

Non dimentichiamo i poveri, i bisognosi e i vulnerabili, in particolare quelli che non hanno accesso a cure sanitarie adeguate. Quando confidiamo i nostri bisogni al Signore in una preghiera accorata e sincera, cresciamo nella nostra fiducia dell’amore provvidente di Dio.

Ayodi, Program Manager del Global Catholic Climate Movement per l’Africa