A.G. Saño è sopravvissuto al tifone Haiyan. Ora lavora per la giustizia climatica

Ottobre 27, 2020

A.G. Saño, sulla sinistra, lavora per la giustizia climatica dopo essere sopravvissuto al tifone Haiyan nelle Filippine. (foto di Albert Lozada)

Per l’ennesima volta dal 2013, A.G. Saño implorava le masse di non lasciare che i cari  persi nella tempesta più forte mai avvenuta fossero ridotti a semplici numeri.

È il dicembre 2018 e A.G.,  avvolto nella sua giacca invernale nera e gialla, cerca di radunare un gruppo di 4.000 attivisti per il clima fuori dalla COP24 a Katowice, in Polonia.

A.G., suo fratello Yeb e altri pellegrini erano andati a Katowice dalla Città del Vaticano perché facevano parte del Pellegrinaggio per il Clima, un viaggio di 1.500 chilometri ispirato dalla Laudato Si’ che ha suscitato preghiere da tutto il mondo.

A.G., un sopravvissuto al tifone Haiyan (Yolanda), descrive in dettaglio la devastazione di quella tempesta,  resa probabilmente più forte dal cambiamento climatico provocato nella città natale di suo padre, Tacloban, nelle Filippine.

“Tre e cinquanta!” urla, in chilometri, la distanza sostenuta dai venti con velocità comprese tra 190 e 195 mph.

“Quindici!” , l’altezza delle onde che hanno sommerso Tacloban.

“Quindicimila!” il numero stimato di persone morte o disperse a causa della tempesta, anche se una cifra esatta non sarà mai nota.

In precedenza, ha condiviso  il numero più doloroso: tre, il numero dei suoi cari morti durante il tifone. Saño ha perso il suo amico Agit Sustento, sua moglie Geo, e il loro figlio di tre anni, Tarin.

A parte aver visto gente perdere la vita, A.G. ha subito gli effetti più dolorosi dell’aggravarsi della crisi climatica. Ha dovuto lottare per la sua sopravvivenza, raccogliere dozzine di cadaveri, alcuni dei quali erano ancora caldi al tatto, e sopportare incubi traumatici per settimane.

Eppure rimane un fervente attivista per il clima, appassionato della Laudato Si’ e dedito alla giustizia climatica. Crea arte di strada e murales per promuovere la causa e insegna arte come forma di terapia ai giovani colpiti da disastri.

A.G. fa tutto questo a causa dei suoi amici perduti, ma anche per le vite che spera di salvare ancora, persone che potrebbero essere colpite da un prossimo tifone Haiyan.

“Essere lì, assistere a ciò che stava accadendo, era come vedere uno scorcio del futuro di altre nazioni, di altre comunità”,afferma Saño.

“Sapevo di avere la responsabilità di raccontare la storia. Essendo sopravvissuto, ho pensato di avere una seconda vita, una seconda possibilità. E non voglio sprecare questa occasione. “

**

A.G. Saño lavora per la giustizia climatica dopo aver assistito al tifone Haiyan nelle Filippine. (foto di A.G. Saño)

Poche ore dopo il peggior momento della sua vita, A.G. smise di pregare e di sopravvivere.

Aveva già sentito il tetto del suo albergo di cemento sbattere come se una dozzina di cavalli lo stessero calpestando di sopra. Aveva visto tetti di ferro zincato volare via dalle case, lasciando i residenti fuori, esposti.

Aveva visto gli ospiti dell’hotel spaventati, che cercavano riparo dall’acqua che colava dal tetto, e li sentiva urlare mentre l’acqua mandava in frantumi la porta a vetri del primo piano.

A.G. si trovava nel corridoio del terzo piano del suo hotel, a un isolato dall’oceano, e mentalmente preparato per la fine.

“Dio, ti supplico, lascia che il mio corpo venga trovato.”

I residenti dell’hotel  a Tacloban si rifugiano dal tifone Haiyan. (foto di A.G. Saño)

I filippini sono abituati all’irruzione dei tifoni che interrompono la vita. Ma mentre rimane difficile per gli scienziati collegare le specifiche su un certo tifone al cambiamento climatico, il cambiamento climatico antropocentrico crea condizioni che possono rendere più forti tali tempeste.

Un pianeta più caldo significa un oceano più caldo, poiché l’oceano assorbe gran parte del calore dalle emissioni dei gas serra. Gli oceani più caldi possono portare a tempeste più potenti, poiché le tempeste hanno più vapore acqueo da raccogliere durante la formazione.

Lo scioglimento dei ghiacciai e la perdita delle calotte glaciali della Groenlandia e dell’Antartide, insieme all’espansione dell’acqua calda dell’oceano, hanno contribuito all’innalzamento del livello del mare in tutto il mondo, che peggiora le mareggiate.

Le Filippine e le sue 7.641 isole in mezzo all’oceano sono particolarmente a rischio a causa di tutti questi cambiamenti, nonostante il paese povero abbia poco a che fare con l’aumento del livello di emissioni dei gas serra.

Una donna esamina i danni dopo il tifone Haiyan. (foto di A.G. Saño)

“Il deterioramento dell’ambiente e quello della società colpiscono in modo speciale i più deboli del pianeta:” Tanto l’esperienza comune della vita ordinaria quanto la ricerca scientifica dimostrano che gli effetti più gravi di tutte le aggressioni ambientali li subisce la gente più povera “(LS 48).

A.G. sapeva tutto questo mentre si trovava nel corridoio. Boati forti e rombanti – come un 747 che ti vola sulla testa – accompagnavano i tremori simili a un terremoto. Una potente tempesta era in atto.

Pregò di nuovo che il suo corpo fosse ritrovato. Ma in mezzo al caos nero come la pece, vide la sagoma di una persona.

“Sei A.G.?” chiese una donna.

“Sì, sono A.G. Come lo sai?”

Era la moglie di un ex agente di sicurezza del condominio di A.G. a Manila e la famiglia era in vacanza.

A.G. non era stato in contatto con loro di recente, ma era il padrino della loro figlia maggiore e aveva partecipato al battesimo circa otto anni prima, l’ultima volta che l’aveva vista.

Parlando con qualcuno che conosceva, A.G. non si sentiva più solo, si sentiva pieno di speranza.

**

GUARDA: “Dobbiamo parlare adesso”: A.G. Saño parla di come è  sopravvissuto al tifone Haiyan

Nei giorni successivi ad Haiyan, prima che le operazioni di soccorso ufficiali arrivassero nell’area colpita, sono stati proprio i sopravvissuti a tentare di ripulire la città.

A.G. e una squadra  di altre sei persone hanno guidato un autocarro con un cassone ribaltabile tutto il giorno, raccogliendo i cari degli altri, evitando di guardarli in faccia e pregando che i parenti non riconoscessero quei corpi dilaniati.

Il tifone Haiyan ha causato quasi 6 milioni di dollari di danni e si stima che abbia distrutto il 90% di Tacloban. (foto di A.G. Saño)

Trascorsero i primi due giorni e mezzo a ripulire il centro di Tacloban. Adesso si dirigevano verso il quartiere residenziale di San José, attraversando una zona disastrata.

Vagavano accanto a pile di automobili e case demolite.

Le famiglie in lutto li imploravano di fermarsi e aiutarli, ma loro hanno continuato a superare le dozzine di cadaveri per paura di non riuscire mai ad arrivare a San José se si fossero fermati.

Prima di arrivare a San José, però, A.G. vide Ray Caminong, una persona che conosceva Agit.

Agit Sustento, sua moglie e il loro bambino. (foto di A.G. Saño)

Agit e la sua famiglia erano il ​​motivo per cui A.G.  si trovava a Tacloban all’inizio del novembre 2013. A.G. si trovava in viaggio da Manila all’isola di Camotes, vicino a Tacloban, per fotografare un evento comunitario un paio di giorni dopo.

Aveva, però, trovato il tempo per una breve visita al suo amico, che aveva incontrato cinque anni prima quando vivevano entrambi a Manila.

Le loro strade si erano incrociate naturalmente. Agit era un tatuatore e A.G. un artista di strada specializzato in murales. Agit suonava il basso e le percussioni, A.G. le percussioni.

Quando A.G. ha aperto la sua prima galleria d’arte quasi due ore a sud di Manila, Agit aveva partecipato e  suonato musica di sottofondo per i visitatori. “Ha significato molto per me il fatto che lui sostenesse la mia galleria d’arte”, ha detto Saño.

Ma il loro legame è Tacloban. Agit è cresciuto lì, così come il padre di A.G..

Nelle Filippine, più che in altri paesi, ogni area può differire in modo significativo. Le oltre 7.000 isole del paese vantano circa 175 lingue diverse. “Quasi ogni isola ha la sua cultura”, afferma A.G..

Crescendo, A.G. si era interessato a Tacloban ma raramente aveva la possibilità di visitarla. Sua madre era cresciuta vicino a Manila, quindi conosceva bene quel lato della sua eredità. “Ho avuto la sensazione che conoscere le mie radici mi avrebbe completato come persona”, racconta A.G.

Di ritorno vicino a San José, Ray fissò A.G. negli occhi e iniziò a parlare.

“Agit se n’è andato.

“Geo se n’è andata.

“Tarin se n’è  andato.”

A.G. voleva crollare, non aveva la forza di reagire. Ma disse a sé stesso di dimenticare quello che aveva appena sentito. Era chiuso emotivamente.

“Non riesco a crollare. . . Ho bisogno di sopravvivere . . Se crollo, non sarò in grado di scappare. Devo rimanere attento e vigile. “

“Ok,  stammi bene” disse A.G. a Ray. “Sarò in municipio se avrai bisogno di me.”

La distruzione del tifone Haiyan. (Foto di A.G. Saño)

**

Di ritorno a Manila, A.G. era diventato sempre più irascibile e ha sopportato incubi per un mese.

In uno dei sogni ricorrenti che ha avuto, si trovava in una stanza d’albergo al primo piano vicino al centro di Tacloban. Stava dormendo e si era svegliato per andare in bagno; appena aperta l’acqua, questa straripava cadaveri.

“Sarei stato sommerso”, ha detto.

Ha superato gli incubi parlando di ciò che ha vissuto. Ha condiviso la sua storia con il dottor Malou Barrameda, un medico locale che lo ha incoraggiato a continuare a parlare della sua storia con gli altri. La notte successiva, ha avuto un “sonno migliore”.

Alcuni attivisti per il clima hanno sopportato molto meno rispetto A.G., che ha recuperato 78 cadaveri in totale. Eppure quegli attivisti possono sentirsi estremamente provati.

Ma nonostante tutto, A.G. rimane impegnato nella giustizia climatica per i più vulnerabili tra noi, compresi i suoi compagni filippini.

A.G. e altri attivisti per il clima hanno completato il murale di cui sopra in Italia durante il pellegrinaggio sul clima del 2018.

A.G. continua a lavorare con il Progetto Black Pencil, un gruppo di fotografi che viaggia verso le comunità colpite e le sostiene dopo i disastri. Durante quei viaggi,  insegna l’arte come forma di terapia per aiutare i giovani a elaborare il disastro.

“Adesso è una parte importante dei soccorsi. Deve andare di pari passo con altri soccorsi “, afferma.

A.G. infonde speranza anche attraverso i suoi murales, nei quali dipinge spesso il contorno  e lascia che siano gli altri a riempirli, una collezione che include il suo memorabile murale di orso polare “giustizia climatica” che ha dipinto durante il pellegrinaggio climatico in Polonia.

Ha trovato una vera speranza nella Laudato si’ e si sente incoraggiato dal fatto che il documento abbia ispirato milioni di cattolici in tutto il mondo a fare della cura del creato una priorità nelle loro vite.

Ascolta A.G. Saño che condivide la sua storia nel podcast del Global Catholic Climate Movement

“Ho potuto usarla per parlare di come possiamo risolvere la crisi”, ha detto Saño.

“Dobbiamo guardare oltre gli angoli, le pareti della nostra casa, guardando all’intero pianeta come qualcosa di cui dobbiamo prenderci cura. . . Dobbiamo prenderci cura del mondo come una casa comune “.

Parlando con la stessa passione per il creato, in Polonia, A.G. ha concluso il suo discorso ai 4.000 attivisti incoraggiandoli a usare la loro voce e a manifestarsi per un domani migliore.

“Non possiamo accettare di essere chiamati statistiche, o numeri, perché siamo vite umane. Siamo persone e insieme dobbiamo avere una sola voce consolidata! “

Conclude il suo discorso con una dichiarazione di fede che risuonava vera allora e lo è ancora oggi: “Vinceremo!