G7 2021: Il bene e il male, e come possiamo contribuire alla ricostruzione di un mondo migliore

Giugno 21, 2021

di Svitlana Romanko
Coordinatrice Campagna Combustibili Fossili
 Movimento Cattolico Mondiale per il Clima 

I presidenti dei paesi del G7 si riuniscono ogni anno per trovare soluzioni alla crisi climatica e prendere grandi decisioni politiche che possano o meno aiutare la giustizia climatica per i paesi in via di sviluppo colpiti dai cambiamenti climatici, dalle società minerarie di combustibili fossili, dalle politiche estrattive e dai debiti esterni.

L’incontro di quest’anno, che si è svolto all’inizio di questo mese, è stato un miscuglio di vari elementi.

Svitlana

Svitlana Romanko

Nel 2009, i paesi del G7 avevano promesso di mobilitare $ 100 miliardi all’anno entro il 2020. Nel 2021, i paesi sviluppati sono collettivamente sotto di circa $ 20 miliardi rispetto a quanto  devono ai paesi in via di sviluppo per affrontare gli impatti e i rischi del cambiamento climatico. Solo Canada e Germania hanno promesso di raddoppiare i loro contributi finanziari al Fondo Mondiale per il Clima entro il 2025.

Come ha scritto papa Francesco nella Laudato si’, “La riduzione dei gas serra richiede onestà, coraggio e responsabilità, soprattutto da parte dei Paesi più potenti e più inquinanti”.

Cosa hanno concordato i presidenti dei paesi del G7 in termini di eliminazione graduale dei combustibili fossili, spinta per una giusta transizione giusta e sostegno a investimenti puliti e rispettosi dell’ambiente?

  1. Sostenere una rivoluzione verde


Cosa è successo: I paesi del G7 si sono impegnati a raggiungere zero emissioni nette di carbonio entro il 2050 e ad aumentare i finanziamenti per il clima.

Cosa significa: Lo zero netto nel 2050 dei paesi del G7 non è la rivoluzione verde che, secondo gli scienziati,contribuirebbe notevolmente a produrre un futuro più pulito e a porre fine alla crisi climatica.

Una rivoluzione verde inizierebbe con la fine di EACOP, Vaca Muerta e altre attività di esplorazione nei paesi in via di sviluppo, che aiuterebbe i nostri fratelli le nostre sorelle più vulnerabili a superare il debito finanziario, l’instabilità e la povertà.

  1. Impegnarsi a dimezzare le emissioni collettive di gas serra entro il 2030 e ad allineare di conseguenza gli obiettivi e le strategie nazionali a lungo termine sul clima prima della COP26


Cosa è successo: I paesi del G7 si sono impegnati a sviluppare obiettivi ambiziosi di riduzione delle emissioni e strategie nazionali entro il 2030 e a presentarli prima della 26a Conferenza annuale sui Cambiamenti Climatici delle Nazioni Unite.

Cosa significa: La COP26 è una grande opportunità per i paesi di unirsi e accettare di ridurre le emissioni globali e sviluppare politiche climatiche forti. Con i piani e le politiche climatiche in vigore, attualmente il mondo è attualmente sulla buona strada per un aumento della temperatura globale media di 2,9 gradi Celsius entro il 2100 .

Gli attuali impegni del G7 nel dimezzare le emissioni entro il 2030 conducono al previsto aumento della temperatura media a 2,4 gradi Celsius sopra i livelli preindustriali,che è lontana dall’obiettivo dell’accordo di Parigi inferiore ai 2 gradi Celsius e più vicino a 1,5 gradi Celsius.

I vescovi cattolici di ogni continente sottolineano che la cura del creato e il cambiamento climatico sono questioni morali per le persone di fede e di buona volontà.

Per raggiungere un bene comune, dobbiamo raddoppiare i nostri sforzi congiunti nella difesa profetica, persuadendo governi e politici ad aumentare i loro obiettivi climatici, disinvestire dai combustibili fossili, investire in modo etico e proteggere la biodiversità.

  1. Sostegno al passaggio a informazioni finanziarie obbligatorie relative al clima

Cosa è successo: I paesi del G7 hanno raggiunto un accordo sulla necessità di informative finanziarie obbligatorie relative al clima e gli Stati Uniti si sono impegnati sulla scena internazionale a implementare tali informative finanziarie relative al clima, e non solo ai collegi elettorali nazionali.

Cosa significa: Le informazioni finanziarie obbligatorie relative al clima, se in vigore, creeranno maggiori rischi per ulteriori investimenti nei combustibili fossili e moltiplicheranno anche il rischio di attività di combustibili fossili bloccate. Questa sarebbe una buona notizia per il movimento di disinvestimento e per il creato di Dio.

Questa è un’altra possibilità per trasformare il sistema finanziario mondiale in uno più resiliente e che tenga conto dello stato del nostro clima. Le informazioni finanziarie relative al clima possono anche rafforzare politiche climatiche più forti da parte dei governi del mondo.

  1. Eliminare gradualmente il nuovo sostegno diretto del governo per l’energia da combustibili fossili ad alta intensità di carbonio, accelerare la transizione internazionale dal carbonio entro il 2021 ed eliminare i sussidi ai combustibili fossili entro il 2025

Cosa è successo: I paesi del G7 si sono impegnati a potenziare rapidamente le tecnologie e le politiche che accelereranno ulteriormente la transizione dalla capacità di carbonio senza sosta e porranno fine ai sussidi al carbonio da parte dei loro governi, in linea con gli obiettivi di riduzione delle emissioni dei paesi del G7 entro il 2030 e gli impegni verso lo zero netto.

Cosa succede: “Sappiamo che la tecnologia basata sui combustibili fossili, molto inquinanti – specie il carbone, ma anche il petrolio e, in misura minore, il gas –, deve essere sostituita progressivamente e senza indugio…. La politica e l’industria rispondono con lentezza, lontane dall’essere all’altezza delle sfide mondiali.” (LS 165).

Ci sono due grandi modi per influenzare l’esplorazione e l’uso di combustibili fossili dannosi, che l’umanità e i governi praticano con successo: investire nei combustibili fossili e sovvenzionare i combustibili fossili.

Molte istituzioni, anche cattoliche, disivestono dai combustibili fossili per reinvestire in tecnologie pulite. Porre fine ai sussidi ai combustibili fossili potrebbe, però, potenzialmente sbloccare molti più finanziamenti per una trasformazione verde globale e il pagamento dei debiti climatici ai paesi del Sud del mondo.

Come affermato nel comunicato finale del G7, anora deve essere confermata la tempistica per il termine dei sussidi ai combustibili fossili, così come una giusta transizione e l’eliminazione graduale di tutti i combustibili fossili, non solo del carbonio. Nel frattempo, dobbiamo continuare a fare la nostra parte e ad aprire la strada impegnandoci a disinvestire dai combustibili fossili .