In Polonia si cambiano gli atteggiamenti delle persone nei confronti del creato

Luglio 25, 2020

foto di Evans E

La Polonia è uno dei paesi dell’Unione Europea con i peggiori livelli di smog e, secondo le stime dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, l’inquinamento atmosferico del paese ha causato, solo nel 2016, oltre 43.000 morti premature, 

Anna Brzezińska-Hemperek, però, sta cercando di cambiare il suo paese natìo e la sua forte dipendenza dal carbonio.

All’inizio di quest’anno, si è unita a migliaia di persone appassionate in tutto il mondo ed è diventata  Animatrice  Laudato Si’, campione dell’azione cattolica sui cambiamenti climatici.

Anna Brzezińska-Hemperek con la Laudato Si’

Ha seguito il corso gratuito nella sua lingua madre, il polacco, ha instaurato relazioni significative con i suoi compagni di corso e ha completato un progetto finale che ha intrapreso azioni per la sua comunità locale.

(La formazione per Animatori Laudato Si’ viene offerta anche in inglese, spagnolo, italiano e portoghese.)

Ti unirai a lei? Diventa Animatore Laudato Si’ e motiva la tua comunità

Anche Anna ha seguito le orme di San Giovanni Paolo II, l’ex vescovo di Cracovia che, durante il suo papato, aveva messo in guardia gli uomini sugli abusi degli esseri umani sul creato.

“L’uomo sembra spesso non vedere altro significato nel suo ambiente naturale se non quello di un utilizzo per un uso e un consumo immediati”, aveva scritto nella sua prima enciclica papale. “Eppure è volontà del Creatore che l’uomo comunichi con la natura come ‘custode’ e ‘guardiano intelligente e nobile’, e non come ‘sfruttatore incurante e  distruttore’.”

Anna ha poi raccontato il perché ha voluto diventare un Animatore  Laudato Si, ciò che l’ha motivata a seguire il corso e cosa ha intenzione di fare grazie alla sua nuova formazione.

 Cosa ti ha fatto desiderare di diventare Animatrice  Laudato Si’?

Ho sempre cercato Dio nella natura e mi sono interessata ai problemi ambientali. C’erano molte attività ecologiche ma volevo occuparmi di una simile  nell’ambito della Chiesa cattolica e fortemente connessa con la fede in Dio.

Perché hai scelto quello che, poi, hai realizzato come progetto finale? Qual era il tuo obiettivo del progetto?

La mia idea era di iniziare dalla nostra piccola comunità locale. Vivo in una parte molto bella del nostro paese, in un’area di periferia di una città piena di verde.

Ho notato alcuni problemi che devono essere risolti se vogliamo che il nostro distretto rimanga verde e attraente.

L’obiettivo principale è cambiare il nostro modo di pensare relativo all’utilizzo delle risorse naturali, smettendo di non riflettere sul loro consumo .

Voglio fornire una formazione di base che induca le persone a cambiare il loro approccio sul consumo di acqua, sulla produzione di rifiuti, sul risparmio di elettricità, ecc.

Diventerai un campione dell’azione sui cambiamenti climatici? Unisciti a lei oggi stesso!

Quanto è importante per te la Laudato Si’?

L’attuale civiltà ha perso l’approccio di San Francesco d’Assisi.

Siamo responsabili delle persone che ci circondano e dell’ambiente che abbiamo intorno.

Negli ultimi anni abbiamo assistito alla manifestazione dell’orgoglio umano in relazione alla natura ed è proprio questo che dovrebbe essere cambiato. Ecco perché la Laudato Si’ è importante per me.

Cosa significa per te l’Enciclica?

Molte persone pensano che la Terra sia di loro proprietà, ma rimane sempre proprietà di Dio. Noi siamo solo di passaggio.

La Terra sarà in grado di sopravvivere senza esseri umani, ma sono le persone a non essere in grado di sopravvivere in un ambiente distrutto.

La Laudato Si’ per me significa che le persone non sono Dio. Dio è uno solo.

In che modo la formazione da Animatore Laudato Si’ ti ha dotato per continuare a occuparti del creato?

Imparare da esperti e leader dell’ambiente durante la formazione da Animatrice mi ha aiutato a trovare nuove idee per risolvere i problemi, incontrando persone che la pensano allo stesso modo.