Il Centro Santa Kateri celebra la Laudato Si’

Aprile 2, 2020

Foto del Diacono Paul Kipfstuhl

L’erba da pascolo che annualmente Margaret Lilley piantava nella fattoria delle Sorelle Francescane di Filadelfia avrebbe dovuto seccare in inverno.

Ma, come altro segno di cambiamento climatico, l’inverno era stato troppo caldo nella Pennsylvania sud-orientale negli Stati Uniti per distruggere lo strato di erba.

A maggio, tuttavia, Margareth Lilley strapperà l’erba dalla striscia di terra di 56 metri quadrati per piantare un giardino che aiuterà la fattoria a combattere i cambiamenti climatici e ripristinare gli impollinatori vitali.

Margaret Lilley

Kat Hoenke

Quest’area diventerà presto un habitat di Santa Kateri

Gli Habitat di Santa Kateri aiutano ad attirare impollinatori vitali attraverso le loro piante autoctone

Gli habitat di Santa Kateri devono avere almeno un’espressione di natura religiosa

A Maggio, per celebrare la Settimana Laudato Si’, Margaret Lilley, le suore e il Centro di Conservazione Santa Kateri semineranno i primi germogli di un habitat di Santa Kateri nella Fattoria Red Hill.

L’habitat sarà caratterizzato da una grande varietà di piante autoctone, come l’asclepiade, il Golden Alexander e il solidago, che avranno altezze e colori diversi e fioriranno in diversi periodi dell’anno.

“Più l’habitat della biodiversità è ricco, più è facile adattarsi ai cambiamenti climatici”, ha affermato Kat Hoenke, direttrice del programma di volontariato presso il Centro di Conservazione Santa Kateri, un’organizzazione no- profit gestita da personale volontario negli Stati Uniti.

Le piante ospiteranno un gruppo altrettanto diversificato di impollinatori, come api, farfalle monarca e code di rondine, oltre tutti gli altri insetti. Gli impollinatori svolgono un ruolo vitale nell’ecosistema in quanto trasportano granuli di polline e fertilizzano le piante, portando semi e frutti.

Tuttavia, gli insetti sono stati minacciati dai cambiamenti climatici, che hanno portato temperature più calde e hanno ridotto i periodi invernali in alcune parti del mondo.

“Tre colture su quattro in tutto il mondo che producono frutti o semi per il cibo consumato dall’uomo dipendono, almeno in parte, dagli impollinatori”, secondo il rapporto “Perché le api sono importanti”, pubblicato nel 2018 dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura.

Gli insetti tendono ad adattarsi meglio alle piante autoctone perché alcuni di essi subiscono un processo di evoluzione con determinati tipi di piante. I bruchi di farfalla monarca, ad esempio, mangiano solo euforbia.

“Se non possono deporre le uova e diventare una farfalla per poi impollinare, è solo un fallimento”, afferma Hoenke.

Si era avvicinata alle sorelle, compresa sua zia, sperando di poter lavorare insieme loro.

La fattoria utilizza già pratiche biologiche, rotazione delle colture e altri metodi di coltivazione rispettosi dell’ambiente, ha affermato Margareth Lilley, direttrice dell’azienda. Incorporare un habitat ricco di piante autoctone che porta il nome di un santo patrono dell’ecologia rappresenta una “combinazione ideale”.

La fattoria ospita eventi regolarmente e gestisce un’azienda agricola comunitaria in cui vengono coltivati prodotti da circa 120 membri e le 45 sorelle che vivono nel convento.

“Seguiamo anche una componente educativa, grazie alla quale possiamo insegnare cosa sono le piante autoctone, quali sono gli impollinatori e come influenzano l’ambiente”, spiega la direttrice.

Secondo Hoenke, il Centro di Conservazione di Saint Kateri possiede 50 habitat negli Stati Uniti e lavora con organizzazioni e famiglie per convertire i loro lotti di terra o cortili in habitat sani in onore di Santa Kateri Tekakwitha, santo patrono dei popoli nativi americani e dei popoli delle prime nazioni, dell’ecologia e dell’ambiente.

Hoenke ha osservato che molte entità e famiglie non hanno idea di quanto piantare specie autoctone possa aiutare a creare e ricordarci la connessione che tutti noi abbiamo.

“Si tratta solo di cambiare la mentalità delle persone, piantare per essere parte dell’ecosistema.'” Questo è parte integrante dell’ecologia cattolica e dovremmo tutti lavorare nell’ecosistema che Dio ci ha donato “, ha detto Hoenke, che ha completato il suo master in gestione ambientale sulla scienza e sulla conservazione degli ecosistemi.

Le sue parole fanno da eco a quelle di Papa Francesco nella Laudato Sì: “Poiché tutte le creature sono connesse tra loro, di ognuna dev’essere riconosciuto il valore con affetto e ammirazione, e tutti noi esseri creati abbiamo bisogno gli uni degli altri”. (LS 42)

Il Centro di Conservazione Santa Kateri possiede una lista di requisiti a cui gli habitat devono conformarsi, tra cui avere almeno un’espressione religiosa, e essere controllati per essere certificati. Hoenke e i suoi colleghi guidano gratuitamente i vari enti interessati in questo processo.

“Stiamo davvero solo cercando di convincere le persone a cambiare il modo in cui gestiscono il loro ambiente e le loro proprietà, e abbiamo le risorse e le conoscenze per aiutarle”, ha detto Hoenke.

I gruppi avevano programmato di organizzare un evento più ampio per la messa a dimora dell’habitat della fattoria, ma a causa del coronavirus, Margareth prevede di piantare il giardino con un gruppo più piccolo durante la Settimana Laudato Si’, dal 16 al 24 Maggio.

“Anche se saremo in pochi a lavorarci, manterremo la distanza di sicurezza l’uno dall’altro”, afferma.

Negli anni a venire ci sarà un sacco di tempo per l’intera comunità per celebrare e godersi l’habitat.

“Nel corso degli anni si continuerà a migliorare”, dice Margareth . “L’habitat si riempirà e diventerà sempre più ricco, e rimarrà parte della fattoria.”

Gli habitat di Santa Kateri rendono omaggio al creato

L’erba da pascolo che annualmente Margaret Lilley piantava nella fattoria delle Sorelle Francescane di Filadelfia avrebbe dovuto seccare in inverno.

Ma, come altro segno di cambiamento climatico, l’inverno era stato troppo caldo nella Pennsylvania sud-orientale negli Stati Uniti per distruggere lo strato di erba.

A maggio, tuttavia, Margareth Lilley strapperà l’erba dalla striscia di terra di 56 metri quadrati per piantare un giardino che aiuterà la fattoria a combattere i cambiamenti climatici e ripristinare gli impollinatori vitali.

Margaret Lilley

A Maggio, per celebrare la Settimana Laudato Si’, Margaret Lilley, le suore e il Centro di Conservazione Santa Kateri semineranno i primi germogli di un habitat di Santa Kateri nella Fattoria Red Hill.

L’habitat sarà caratterizzato da una grande varietà di piante autoctone, come l’asclepiade, il Golden Alexander e il solidago, che avranno altezze e colori diversi e fioriranno in diversi periodi dell’anno.

“Più l’habitat della biodiversità è ricco, più è facile adattarsi ai cambiamenti climatici”, ha affermato Kat Hoenke, direttrice del programma di volontariato presso il Centro di Conservazione Santa Kateri, un’organizzazione no- profit gestita da personale volontario negli Stati Uniti.

Kat Hoenke

Le piante ospiteranno un gruppo altrettanto diversificato di impollinatori, come api, farfalle monarca e code di rondine, oltre tutti gli altri insetti. Gli impollinatori svolgono un ruolo vitale nell’ecosistema in quanto trasportano granuli di polline e fertilizzano le piante, portando semi e frutti.

Tuttavia, gli insetti sono stati minacciati dai cambiamenti climatici, che hanno portato temperature più calde e hanno ridotto i periodi invernali in alcune parti del mondo.

“Tre colture su quattro in tutto il mondo che producono frutti o semi per il cibo consumato dall’uomo dipendono, almeno in parte, dagli impollinatori”, secondo il rapporto “Perché le api sono importanti”, pubblicato nel 2018 dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura.

Quest’area diventerà presto un habitat di Santa Kateri

Gli insetti tendono ad adattarsi meglio alle piante autoctone perché alcuni di essi subiscono un processo di evoluzione con determinati tipi di piante. I bruchi di farfalla monarca, ad esempio, mangiano solo euforbia.

“Se non possono deporre le uova e diventare una farfalla per poi impollinare, è solo un fallimento”, afferma Hoenke.

Si era avvicinata alle sorelle, compresa sua zia, sperando di poter lavorare insieme loro.

La fattoria utilizza già pratiche biologiche, rotazione delle colture e altri metodi di coltivazione rispettosi dell’ambiente, ha affermato Margareth Lilley, direttrice dell’azienda. Incorporare un habitat ricco di piante autoctone che porta il nome di un santo patrono dell’ecologia rappresenta una “combinazione ideale”.

La fattoria ospita eventi regolarmente e gestisce un’azienda agricola comunitaria in cui vengono coltivati prodotti da circa 120 membri e le 45 sorelle che vivono nel convento.

“Seguiamo anche una componente educativa, grazie alla quale possiamo insegnare cosa sono le piante autoctone, quali sono gli impollinatori e come influenzano l’ambiente”, spiega la direttrice.

Secondo Hoenke, il Centro di Conservazione di Saint Kateri possiede 50 habitat negli Stati Uniti e lavora con organizzazioni e famiglie per convertire i loro lotti di terra o cortili in habitat sani in onore di Santa Kateri Tekakwitha, santo patrono dei popoli nativi americani e dei popoli delle prime nazioni, dell’ecologia e dell’ambiente.

Gli Habitat di Santa Kateri aiutano ad attirare impollinatori vitali attraverso le loro piante autoctone

Hoenke ha osservato che molte entità e famiglie non hanno idea di quanto piantare specie autoctone possa aiutare a creare e ricordarci la connessione che tutti noi abbiamo.

“Si tratta solo di cambiare la mentalità delle persone, piantare per essere parte dell’ecosistema.'” Questo è parte integrante dell’ecologia cattolica e dovremmo tutti lavorare nell’ecosistema che Dio ci ha donato “, ha detto Hoenke, che ha completato il suo master in gestione ambientale sulla scienza e sulla conservazione degli ecosistemi.

Le sue parole fanno da eco a quelle di Papa Francesco nella Laudato Sì: “Poiché tutte le creature sono connesse tra loro, di ognuna dev’essere riconosciuto il valore con affetto e ammirazione, e tutti noi esseri creati abbiamo bisogno gli uni degli altri”. (LS 42)

Gli habitat di Santa Kateri devono avere almeno un’espressione di natura religiosa

Il Centro di Conservazione Santa Kateri possiede una lista di requisiti a cui gli habitat devono conformarsi, tra cui avere almeno un’espressione religiosa, e essere controllati per essere certificati. Hoenke e i suoi colleghi guidano gratuitamente i vari enti interessati in questo processo.

“Stiamo davvero solo cercando di convincere le persone a cambiare il modo in cui gestiscono il loro ambiente e le loro proprietà, e abbiamo le risorse e le conoscenze per aiutarle”, ha detto Hoenke.

I gruppi avevano programmato di organizzare un evento più ampio per la messa a dimora dell’habitat della fattoria, ma a causa del coronavirus, Margareth prevede di piantare il giardino con un gruppo più piccolo durante la Settimana Laudato Si’, dal 16 al 24 Maggio.

“Anche se saremo in pochi a lavorarci, manterremo la distanza di sicurezza l’uno dall’altro”, afferma.

Negli anni a venire ci sarà un sacco di tempo per l’intera comunità per celebrare e godersi l’habitat.

“Nel corso degli anni si continuerà a migliorare”, dice Margareth . “L’habitat si riempirà e diventerà sempre più ricco, e rimarrà parte della fattoria.”