I 5 momenti salienti della Settimana Laudato Si’ 2021

Maggio 28, 2021

Durante la Settimana Laudato Si’ 2021, lo Spirito Santo ha spinto centinaia di migliaia di cattolici dei sei continenti a riunirsi e celebrare i grandi progressi che abbiamo compiuto nel dare vita alla Laudato Si’ negli ultimi sei anni.

Ispirati dal tema della settimana, “poiché sappiamo che le cose possono cambiare”, i cattolici si sono uniti nella speranza e con la fervida convinzione che insieme possiamo creare un futuro migliore per tutti i membri del creato.

Guarda: la Settimana Laudato Si’  in 60 secondi

All’inizio dei 10 giorni di celebrazione (16-25 maggio), ai cattolici è stata ricordata la bellezza della creazione di Dio, ma anche i pericoli che le persone in tutto il mondo affrontano nella difesa della nostra casa comune.

Nel profondo della foresta amazzonica in Brasile, è stata scoperta una nuova specie di civetta. La specie è stata chiamata Megascops stangaie in onore della sorella di Notre Dame de Namur, Dorothy Stang, che è stata assassinata in Brasile nel 2005 per difendere l’Amazzonia e la sua gente.

Questo movimento gioisce per la scoperta di una nuova specie, ma si unisce alle Suore di Notre Dame de Namur e a tutte le persone di fede nel piangere la morte di Suor Dorothy Stang e dei difensori dell’ambiente in tutto il mondo.

Durante la Settimana Laudato Si’ 2021, i cattolici hanno cercato di onorare il lavoro di suor Dorothy e di tutti i difensori dell’ambiente guardando al futuro con speranza. Ecco i primi cinque momenti salienti della  Settimana Laudato Si’  2021 .

1. L’audace leadership di Papa Francesco

Papa Francesco ancora una volta ha aperto la strada, ispirando e incoraggiando i cattolici a prendere parte a questa gioiosa celebrazione.

Mesi prima dell’evento, Papa Francesco ha incoraggiato gli 1,3 miliardi di cattolici nel mondo a partecipare attraverso uno speciale video invito.

Ha ripetuto il suo caloroso invito  durante il suo Angelus (Regina Coeli) del 16 maggio, e ha riunito la Chiesa mondiale in preghiera e nell’azione durante la celebrazione twittando su #LaudatoSiWeek.

Il 23 Maggio, Papa Francesco ha, poi, ringraziato le centinaia di milioni di persone che hanno partecipato all’Anno dell’Anniversario Speciale della Laudato Si’ e ha inviato i suoi migliori auguri agli Animatori Laudato Si’ di tutto il mondo per il loro mandato missionario di diffondere il Vangelo della Creazione e prendersi cura della nostra casa comune.

Infine, il 25 maggio, giornata conclusiva della Settimana Laudato Si’ 2021, il Santo Padre ha ricordato ai cattolici che, con il lancio ufficiale della Piattaforma di Iniziative Laudato Si’, il viaggio è solo all’inizio.

 

2. I cattolici e le loro istituzioni passano all’azione

Prendersi cura della nostra casa comune nelle Fiji.

Ora più che mai, in occasione della Settimana Laudato Si’  2021, i cattolici e le loro istituzioni sono intervenuti per la nostra casa comune. A livello locale, su LaudatoSiWeek.org sono stati registrati quasi 200 eventi in tutto il mondo, una crescita di oltre il 200% rispetto alla Settimana Laudato Si’ dello scorso anno. Questi eventi hanno veramente dato una rilevanza significativa alla celebrazione.

Sei esempi di come i cattolici hanno ispirato le loro comunità: 

  • Nella nazione insulare di Trinidad and Tobago, nel bel mezzo di un picco di casi COVID-19 locali, i cattolici sono stati la luce e la speranza per tutte le persone nei Caraibi, unendole online con la preghiera, la riflessione e il dialogo.
  • I cattolici nelle Fiji hanno guidato un impegno quotidiano per la Laudato Si ’, la piantumazione di alberi da frutto e fiori di legno duro per contribuire alla loro sicurezza alimentare e ridurre la quantità di carbonio nell’atmosfera.
  • In Kenya, Bangladesh, India, Brasile, Australia, Stati Uniti, Messico, Timor Leste, Vietnam e in altri luoghi, i cattolici si sono riuniti online e di persona per condividere i modi in cui vivono la Laudato Si’ e per ispirarsi a vicenda a impegnarsi di più per il creato.
  • In Corea del Sud e nelle Filippine sono stati realizzati programmi di una settimana che hanno portato i cattolici a celebrare messe Laudato Si’, ad accelerare gli impegni per la giustizia climatica e a partecipare agli scioperi per il clima.
  • I cattolici in America Latina hanno organizzato una serie di webinar incentrati sugli sfollamenti interni, la difficile situazione degli agricoltori durante la crisi climatica e l’Accordo di Escazu, il primo trattato internazionale della regione sull’ambiente.
  • In Italia, gli Animatori Laudato Si’ hanno messo su quasi 700 progetti insieme, che comprendono preghiera e tempo di immersione nel creato, per aiutare le proprie comunità a contemplare la bellezza del creato di Dio.
Proteste per la giustizia climatica in Corea del Sud.
Coltivare il creato in Bangladesh.
Preghiere per il creato  in Italia.

La Settimana Laudato S ’ 2021, promossa dal Dicastero vaticano per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, è stata realizzata da 157 partner cattolici in tutto il mondo, rispetto ai 137 del 2020, che hanno contribuito a coordinare la celebrazione e mobilitato le loro comunità a partecipare.

Anche tantissimi altri fedeli  cattolici hanno dati risonanza alla #SettimanaLaudatoSi. Le visualizzazioni di pagina del sito  LaudatoSiWeek.org sono aumentate di quasi il 1.500% e le interazioni sui canali social sono aumentate del 170% rispetto al 2020.

3. I dialoghi Laudato Si’ affrontano grandi questioni

Cardinal Luis Antonio Tagle led the Laudato Si’ Special Anniversary Year Closing Praying Gathering / Missionary Sending on Pentecost Sunday that featured Laudato Si’ Animators and other faithful from all over the world.
Il raduno di preghiera di Pentecoste / mandato missionario, guidato dal Cardinale Luis Antonio Tagle,  Prefetto della Congregazione vaticana per l’Evangelizzazione dei Popoli, si è svolto il 23 maggio ed è stato seguito in tutto il mondo  da decine di migliaia di persone su YouTube e Facebook.

Durante la settimana, mentre i cattolici si impegnavano in eventi a livello locale, i dialoghi mondiali Laudato Si’ affrontavano le questioni più grandi e hanno sfidato tutti noi a valutare nuove azioni concrete per la nostra casa comune.

I dialoghi hanno ospitato vivaci conversazioni sul creato e sul cambiamento in vista dei vertici delle Nazioni Unite previsti per  fine anno, sull ‘”imperativo morale” dei cattolici di disinvestire dai combustibili fossili, sull’inserimento della Laudato Si’ nel mondo dell’istruzione e su come i cattolici e le loro istituzioni possono maturare una conversione ecologica.

Decine di migliaia di persone hanno partecipato anche al Festival Laudato Si’  “Canzoni per il Creato” e all’Incontro di Preghiera di Pentecoste / Mandato Missionario ai fedeli per diffondere il Vangelo della Creazione in tutto il mondo.

Gli eventi mondiali hanno ospitato cardinali, leader del Vaticano, vescovi e suore religiose che hanno sottolineato la diversità della Chiesa. Vi hanno partecipato anche leader da Kenya, Filippine, Sud Africa, Argentina, Regno Unito, Paraguay, Stati Uniti e India, coloro che sono in prima linea nella crisi climatica, tra i quali José Gregorio Diaz Mirabal, coordinatore generale del Congresso delle Organizzazioni Indigene del bacino dell’Amazzonia.

Il leader dell’Amazzonia ha iniziato la settimana invitando i cattolici a sostenere la protezione del 50 per cento della Terra. Le sue osservazioni profetiche prefigurano il lancio della petizione “Pianeta sano, Persone sane”, che invita tutti i cattolici a vivere la nostra fede e difendere a nome di tutti i membri del creato in vista dei due grandi vertici delle Nazioni Unite entro la fine dell’anno.

4. Il disinvestimento cattolico raggiunge un nuovo traguardo

Durante la Settimana Laudato Si’ 2021, 41 istituzioni* da 12 paesi  si sono impegnate nel disinvestimento, aggiungendosi al crescente conteggio globale di istituzioni che hanno deciso di agire secondo la propria fede, disinvestendo dai combustibili fossili.

Le istituzioni religiose provengono da tutto il mondo – Brasile, Argentina, Angola, India, Filippine, Uganda, Italia, Spagna, Svizzera, Irlanda, Regno Unito e Stati Uniti – e includono 26 istituzioni cattoliche. 

Ora più di 250 istituzioni cattoliche hanno deciso di seguire il consiglio di Papa Francesco e hanno disinvestito dai combustibili fossili.

L’anno scorso, in occasione del quinto anniversario della Laudato Si’, il Vaticano ha pubblicato delle linee guida ambientali che inquadrano l’investimento nei combustibili fossili come una scelta etica, alla pari di altre scelte etiche significative.

Le linee guida suggeriscono alle istituzioni cattoliche di evitare “il supporto ad aziende dannose per l’ecologia umana o sociale (ad esempio aborto e armi) e per l’ecologia ambientale (ad esempio combustibili fossili)”. 

I leader della Chiesa hanno approfittato del Dialogo Laudato Si’ della settimana sul disinvestimento per condividere in maniera più forte il motivo per cui le istituzioni cattoliche dovrebbero disinvestire.

P. Joshtrom Isaac Kureethadam

Joshtrom Isaac Kureethadam, Coordinatore dell’Ufficio Ecologia e Creato del Vaticano, ha affermato che il disinvestimento è un imperativo fisico, morale e teologico.

“Dobbiamo astenerci economicamente da qualsiasi attività dannosa per il pianeta e dannosa per le persone. Ascoltiamo, quindi, l’invito di Papa Francesco a disinvestire dai combustibili fossili e a proteggere la nostra casa comune,ha dichiarato P. Joshtrom .

Inoltre, il cardinale Jean-Claude Hollerich, arcivescovo della diocesi di Lussemburgo e Presidente del COMECE, ha affermato che le istituzioni che scelgono di non disinvestire rischiano di rimanere vuote di fedeli.

“Se non lo facciamo, al nostro messaggio, al nostro annuncio di Cristo, del Vangelo, nessuno, alla fine, ci crederà. Diranno: “Sei tra le persone che avrebbero potuto cambiare e non hanno fatto nulla” , ha continuato.

Il cardinale Jean-Claude Hollerich

Guarda: I leader della chiesa spiegano perché il disinvestimento è un “imperativo morale”

*Lunedì 17 maggio sono state annunciate 36 istituzioni e altre cinque si sono impegnate nel corso della settimana

5. Lancio della Piattaforma di Iniziative Laudato Si’

L’Anno dell’Anniversario Speciale della Laudato si è concluso durante la Settimana Laudato Si’ con il lancio di uno strumento ancora più incisivo, con cui i cattolici possono continuare a progredire nel cammino verso la sostenibilità totale.

Il 25 maggio, il Vaticano ha lanciato ufficialmente la Piattaforma di Iniziative Laudato Si’, che consentirà alle istituzioni, alle comunità e alle famiglie cattoliche di attuare l’Enciclica. L’iniziativa invita tutta la Chiesa cattolica a raggiungere la totale sostenibilità nei prossimi sette anni.

L’Animatrice Laudato Si’ Carolina Bianchini

Durante l’annuncio, l’Animatrice Laudato Si’ Carolina Bianchini ha affermato che la piattaforma “è un segno concreto che le cose stanno cambiando”. 

“La Piattaforma di Iniziative Laudato Si’ mostra che la Chiesa sta facendo progressi nella costruzione del futuro migliore che la Laudato Si’ ci chiama a costruire. Le persone in tutto il mondo cercano speranza e la [piattaforma] offre una vera speranza “, ha spiegato.

Papa Francesco ha invitato tutte le persone a utilizzare la piattaforma e ad adottare un “nuovo approccio ecologico” che “trasforma il nostro modo di vivere nel mondo”.

“Vorrei invitare tutti ad affrontare insieme questo viaggio”, ha continuato. “Solo in questo modo potremo creare il futuro che vogliamo: un mondo più inclusivo, fraterno, pacifico e sostenibile”.

Guarda: Papa Francesco contribuisce al lancio della Piattaforma di Iniziative  Laudato Si’ 

Grati e riconoscenti

Durante la Settimana Laudato Si’ , abbiamo visto ancora una volta il potere dello Spirito Santo, che riunisce i cattolici che lavorano per costruire un futuro più giusto e resiliente per noi stessi, le generazioni future e tutti i membri del creato.

 L’intera famiglia cattolica mondiale rivolge un sentito ringraziamento e un debito di riconoscenza a Papa Francesco, al nostro Dio Creatore, Gesù Cristo nostro Salvatore e allo Spirito Santo per aver mostrato ancora una volta ciò che Sua Santità ha scritto nella Laudato Si’: “poiché sappiamo che le cose possono cambiare.”